Categorie
Giovanni Schiavone Il libro del pianto Literature Racconti

Un reliquiario è la pelle tua

  Un reliquiario è la pelle tua di alabastro e cinabro, e crepature azzurre alludono a strade sotterranee di piume invisibili. Il tuo sistema neuronale si apre come un bouquet di broccoli, come una festa nella piazza. Io, invece, ho gli emisferi di ciniglia, scheggiati e stanchi, simili alla corteccia di un albero biliare.

  Ho sempre invidiato la tua capacità di piangere davvero, di piangere per poco. Ho invidiato e tuttora ammiro la facoltà tua di provare dolori sopportabili, non letali, non cancerosi, non mortiferi. Io, che ho dimenticato come si piange, ho sempre gli occhi sconvolti, perché il dolore lo trascino a lungo, lo interpello e sfrutto: è la mia miniera a cielo aperto. Mi dimora dentro, sono il suo asilo.

  Un tempo ero intriso di luccicante chiaroveggenza, somigliavo al vassoio su cui troneggiò il capo di Giovanni Battista. Ero il Battista, quand’ancora speravo nella parusia, quand’ancora attendevo il messia e con la laringe incendiavo i pagani.

  Non avevo altro dio all’infuori di me – per sorte, e proprio per questo, ero ateo.

Torino, 26/02/2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...